A different Christmas

A different Christmas

Swabs, quarantines and mamma on the phone. Will this Christmas be different?

Un Natale diverso

Tamponi, quarantene e telefonate a mamma. Questo Natale sarà differente?

The Christmas lights are on in Oxford Circus, decorations have started to pop up everywhere, and people are getting that fuzzy, festive feeling. Christmas is not long away now and people really can’t wait to have something to focus on, so that the days pass more quickly and we can finally bid farewell to this god-awful year.

But as we’re all too aware, this year will be different. For starters, there will be no mulled wine, German sausages, doughnuts or fairground rides at Winter Wonderland, nor will there be any Christmas markets. It’s also highly unlikely we’ll be going to any Christmas parties this year, and to top it all off, many of us are still wondering the same thing: are we even going home for Christmas?

The end-of-year festivities are an excellent opportunity to head home and catch up with family and friends, and to spend quality time eating and drinking with people we don’t usually get to see. Italy has some pretty important Christmas traditions (as do many countries around the world), and in some regions, families get together on Christmas Eve to celebrate until everylast scrap of food is gone, and trust me, it can take several days! For others, Christmas Eve means only one thing: heading to a local restaurant with friends to sing and drink until the early hours of the morning, despite being fully aware that there will be no time for a hangover on Christmas Day as mum will need help with the cooking. In Italy, it’s pretty normal to stuff your face until you’re fit to burst before taking a snooze on Boxing Day while watching Home Alone, or Die Hard for like the fourth time in a week. Everywhere you turn, you’re met with red, white and green decorations, along with the same cycle of Christmas anthems as you dash around trying to buy presents, safe in the knowledge that going home for Christmas is absolutely mandatory, especially if you’re Italian. Can you imagine the courage it would take to pick up the phone and tell your mum you’re not coming home for Christmas? It would probably be easier to tell her you don’t love her any more. In Italy, the end of December is all about family time and a sense of community. That being said, this year, many of us are facing the prospect of breaking tradition, and our parents’ hearts.

2020 has most certainly not been the year for making plans. By now, we know all too well that everything can change in a day, and that we might very easily find ourselves banished indoors, unable to fly home. Of course, Bojo made it sound as though the November lockdown was a sacrifice we all had to make in order to spend time with our loved ones this Christmas, but we’re all too aware there are no guarantees. Flights are still available to book for the last two weeks of December, but everything can change in the blink of an eye these days. Last week, rumours started to circulate that people were struggling to book train journeys for December, especially from Milan. As you can imagine, panic and conspiracy theories abounded as people started to believe ‘they’ were hiding the truth from us. It seems as though fear surrounding the virus is much more prevalent in Italy than in the UK, and as a consequence, people are being a lot more cautious, in the hope that another lockdown might be avoided, even though it’s most likely still on the cards. Whether it’s down to conspiracy theories or the hunch that certain facts and figures ‘aren’t adding up’, it’s really doesn’t matter. The one thing we all can do to help is wear a face mask and be as responsible for our actions as possible in order to protect ourselves, yes, but more importantly, to protect each other. We all belong to society, and everyone’s behaviour affects the system. As such, it would be a much better idea to use the tools we have at our disposal to improve the overall situation, rather than to sabotage it. In other words, we all need to take more responsibility for our own actions so that we don’t end up alone on Christmas day, far from our loved ones. It’s the only way to ensure we don’t break our mums’ hearts and can enjoy a seven-hour lunch followed by a digestivo by the fire with nonna. As it currently stands, non-essential travel from the UK to Italy is not permitted. You might think travelling home to see your family this Christmas is ‘essential travel’, but please bear the following information in mind:

  • you will need to prove that you have taken a test within 48 hours of boarding your flight and that the result was negative, otherwise you will have to take a test within 48 hours of arriving in Italy
  • if arriving in Italy between 21 December and 6 January, you will need to self-isolate for 14 days
  • you won’t be allowed to travel between municipalities on Christmas Day, Boxing Day and New Year’s Eve (25, 26 and 31 December)
  • cinemas and theatres will be closed
  • you must only enjoy Christmas meals with your household
  • there will be a curfew in place between 10pm and 5am, and between 10pm and 7am on New Year’s Eve/Day
  • you will need to quarantine for 14 days upon returning to the UK

The truth is that we still don’t know if we’re going home for Christmas, but we should all do what we can to make it a possibility. Even though it might not seem like it, it all comes down to what we do as individuals. And as Italians, we should do ‘everything in our power’ to make sure we’re home for Christmas this year.

Con l’accendersi delle luci in Oxford Circus e la possibilità di ammirare praticamente ovunque decorazioni, la realizzazione che il Natale sia sempre più vicino fa in modo che l’umore natalizio inizi a prendere il sopravvento, specie in tempi come questi dove ogni singola persona non aspetta altro che potersi concentrare su qualcosa di diverso per far in modo che i giorni scorrano un po’ più veloci e vedere finalmente finire uno dei peggiori anni possibili che tutti abbiamo in comune. 

Ma, come sappiamo, quest’anno sarà diverso. Iniziamo dal fatto che vin brulê, salsiccione tedesche, frittelle e luna park non saranno presenti. L’atteso Winter Wonderland non verrà proprio montato, così come non ci sarà nessun mercatino di Natale in giro per la città.
Fortemente in dubbio è la possibilità di qualsiasi party di Natale che solitamente ci accompagnano per tutto Dicembre tra colleghi e amici, ma in tutto questo, andremo a casa a Natale? 

La fine dell’anno assieme a tutte le festività e celebrazioni si mostra come sempre l’occasione perfetta per tornare a casa e vedersi con parenti ed amici, spendere un po’ di buon tempo mangiando e bevendo con persone con le quali solitamente non abbiamo la possibilità di passare del tempo. L’Italia come si sa, ha una fortissima tradizione Natalizia, come in tutto il mondo, ma in qualche parte del buon vecchio stivale, molte famiglie si incontrano dal 24 Dicembre, fino a quando il cibo non esaurisce, e credetemi se dico che ci possono volere diversi giorni affinché ciò accada. In altre parti la Vigilia di Natale è obbligatoria tra amici e osterie a bere e cantare fino a tarda notte, senza la minima idea di mostrare postumi in quanto la mattina presto la sveglia suona e bisogna aiutare mamma a cucinare per poi passare tutto il giorno ad imbottirsi di cibo seduti per ore, per poi dormire tutto Santo Stefano guardando per l’ennesima volta “Mamma ho perso l’aereo” o “Duri a morire.” Decorazioni verdi, rosse e bianche ovunque accompagnate dalla solita ventina di canzoni di Natale che precedono ogni nostro passo, la corsa a comprare i regali ed il fatto che non ci sia scelta nel dover o meno passare il Natale a casa, essendo obbligatorio nella vita canonica di ogni essere umano, specialmente se italiani. Provate ad immaginare il pelo sullo stomaco necessario ad alzare la cornetta e dire a vostra madre che non tornerete per Natale, le farebbe meno male sentirsi dire che non le vogliamo più bene. La fine di Dicembre vuol dire famiglia e l’Italia è basata sulla famiglia ed il senso di comunità, ma quest’anno, sembra che ci siano buone chances che ci porteranno a rompere la tradizione ed i cuori dei nostri genitori. 

Il 2020 non è certo l’anno nel quale ci si può permettere di fare piani, come abbiamo visto in un giorno tutto può cambiare e ci possiamo ritrovare chiusi in casa senza la possibilità di volare a casa, dagli innumerevoli discorsi del nostro Primo Ministro (Bojo) sembrerebbe che il lockdown di Novembre (nel Regno Unito) sia stato necessario se vogliamo poter passare il Natale con i nostri cari, ma come sappiamo, di tutto questo non c’è ancora certezza, facendo qualche ricerca online sembrerebbe che i voli per le ultime due settimane dell’anno siano tutti disponibili, ma come detto, tutto può cambiare in un battito di ciglia al giorno d’oggi. La scorsa settimana si vociferava riguardo il fatto che nessun treno fosse prenotabile per Dicembre soprattutto da Milano, e come immaginerete il panico e le teorie complottistiche sono decollate in men che non si dica pensando che ci stiano nascondendo la verità, in Italia poi la paura è molto più forte che in UK ed un senso generale di timore porta tutta la popolazione ad essere molto più attenta e rispettosa delle regole per evitare un nuovo lockdown, anche se sembrerebbe stia accadendo di nuovo. 

Complotti o il fatto che molti conti non tornino non importa, l’unica cosa da fare è indossare una mascherina e stare attenti, responsabili per noi stessi, ma soprattutto per gli altri essendo parte di una società dove il comportamento di ogni persona può influire il sistema, quindi sarebbe doveroso usare questo strumento per migliorare il circolo in cui viviamo invece che sabotarlo. In altre parole per innalzare un po’ gli argini di questo immenso fiume pandemico cerchiamo di essere più responsabili e fare attenzione per non ritrovarci il giorno di Natale soli in una stanza lontana da tutto e da tutti, per non infrangere il cuore di mamma e riuscire a prendere parte alle sette ore di pranzo di Natale seguite da qualche digestivo davanti al camino con nonna.
Ad oggi I viaggi non motivati e non necessari sono vietati, stare con il parentame magari potrebbe
essere una motivazione, ma ad ogni modo ricordate che
– vi serve un test negativo all’imbarco eseguito non più di 48 ore dalla partenza, o potete
effettuare un test all’arrivo in Italia entro 48 ore
– dal 21 Dicembre al 6 Gennaio isolamento fiduciario di 14 giorni all’arrivo in Italia
– vietato lo spostamento di comuni il 25 26 e 31 Dicembre
– cinema e teatri chiusi
– bar e ristoranti chiusi alle 6 pm
– coprifuoco dalle 10 pm alle 5 am, dalle 10 pm alle 7 am l’1 Gennaio
– pranzi e cene di Natale possibili solo tra parenti
– non dimenticate che al vostro ritorno in UK dovrete fare la quarantena di 14 giorni
completamente chiusi in casa.
La verità è che non sappiamo ancora se potremmo tornare a Natale, ma cerchiamo di far in modo
che accada, anche se non sembra, una buona parte dipende da noi. E da Italiani faremo ”tutto il
necessario” per essere a casa il 25 Dicembre.

The complete DPCM: https://www.ansa.it/documents/1607069169847_20201203_301.pdf

Author | + posts

Born in Verona Emanuel is a never ending challenger seeking for discomfort, he left home 10 years ago to travel the world; now in London he wonders around trying new flavours of life, food and drinks, sipping coffee, and screaming at dirty punky gigs, with the backpack always ready on his bedside.

Editor in chief & Photographer | Website | + posts

Giulia is a freelance photographer and photojournalist. Born in Ferrara (Italy) in the late 80s, she moved to London in October 2019. Pepe Magazine creator. Lefty, arachnophobic, rabbit lover and now, editor in chief.

Back To Top