PepeMagazine pride month uk London interview
PepeMagazine pride month uk London interview

A Valentine Day with an LGBTQ+ couple

A Valentine Day with an LGBTQ+ couple

14 February is a special day for lovers all over the world. In the UK, February is also Pride Month, a time to celebrate gender equality and the right to love freely. 

In Italy, Pride is celebrated in June, while in the UK, the timing coincides with the anniversary of the abolition of Section 28 in 2003, the introduction of the Employment Equality Regulations, and the government initiative to introduce the Equality Act.  Pride Month is all about raising awareness and countering LGBT+ prejudice.

To celebrate, we’ve interviewed Ruth and Elena, a British-Italian couple who met in London and have been together for nearly six years.

Hi Elena, thanks so much for letting us interview you for Pride Month, which we celebrate in February here in the UK, and in June in Italy.

Tell us a bit about yourself. Where are you from?

Elena: I was born in Rome but moved to London around seven years ago.

What did you study in Italy?

Elena: I went to high school and then trained to be a chef. After that, I moved to France for work before returning to Italy, and then eventually settling in the UK.

So you’ve lived in three different countries! What led you to make those choices?

Elena: I had just finished culinary school and one of my teachers got in touch to offer me a  job near Strasbourg. It was my first offer after finishing my training and I didn’t have anything lined up in Italy, so I had nothing to lose. I also thought it would be a great opportunity to learn the tricks of the trade, in France of all places. I was there for nine months, so not that long, and then I moved back to Italy.

How did you end up moving to London?

Elena: Before coming to the UK I went back to Italy for around six months and tried to get a job as a chef, but I just couldn’t find anything. Whatever I did find didn’t pay enough (max. €400 a month!!) to allow me to no longer have to rely on my parents. I would’ve basically been working like a dog and wouldn’t even have been making enough to be financially independent. So I decided to leave Italy and started saving to move to London with my ex-girlfriend.

When did you realise you were gay?

Elena: Hmm… Well… at the end of high school I broke up with a guy I’d been going out with for four years and then went off to culinary school, where I struck up an amazing friendship with a girl. By this point, I was entering adulthood. It felt so natural for me to enter into a relationship with her that I didn’t really have time to stop and say, ‘Wait a minute, do I like girls now…?’ It was such a natural transition that it just happened and that was that. Obviously, I understood that I was having feelings and that they were developing into something more than just friendship, but I embraced it wholeheartedly while it lasted.

So it was quite a new experience for you at that point! Did you discuss it with your friends or family? How did they react?

Elena: I hid it for a bit… Well, for quite a while actually. I was away studying in Parma so I was practically never home. When I finished my culinary training, I was sent to do work experience in Tuscany, and I was in a relationship with this girl by that point. My mum knew my friend was coming to visit me every week. When the relationship ended, the first thing I did was ‘tell’ my best friends, but in reality, I think I just said I’d broken up with someone. I’d never actually told them I was in a relationship with her. I think they basically just assumed what was going on. We all used to hang out together. They were always around each other, and I talked about her all the time.

Before we broke up I told my mum that I was seeing a girl and her first reaction was to say, ‘If she makes you happy, I’m happy’. So she had a very positive reaction. Obviously, that was then followed by an ‘adjustment period’, which is understandable, and was probably due to the fact my mum didn’t really like her that much as a person. It took a while for my mum to accept her.

So you found it easy to come to terms with, and to tell other people about?

Elena: Oh yeah, totally! After that, I had other girlfriends and my mum and family were totally chill about it. I came out to my mum’s side of the family when I was with Ruth and was already living in London. I sent them all an email. We hadn’t quite got to grips with video calls yet, seeing as it was seven years ago! I sent everyone an email, except for my grandma, and they sent back such positive replies, and it was all very emotional!

After that, my mum told my grandma and she sent me an email telling me she’d understood the moment she saw me and Ruth together, with all the closeness and love there was between us. So, I’d say everything with my family went really, really well!

You missed their immediate reaction thanks to the lack of video calls, then!

Elena: Ha, well… I experienced that soon after when they all met Ruth for the first time, and my eighty-year-old grandma said, ‘Can I speak to your girlfriend on the phone?’

How did people act around you? Was it easy compared to how it might have been in Italy?

Elena: To be honest, I’ve been really, really lucky. The situation is a bit different in Italy and I think I’ve been super lucky with my family’s reaction, even though I anticipated they’d react the way they did, knowing them and their beliefs. My brother goes to Pride in Rome every year without me!! I’ve been really lucky, but I know people who have had very different reactions from their families.

Do you think there’s a difference between Italy and the UK in terms of the LGBTQ+ community?

Elena: 100%. There’s no doubt about it, but obviously, wherever you go there’s going to be extremism and homophobia. In fact, one time we kissed on Oxford Street and some guy shouted at us from a bus window! Unfortunately, though, that sort of thing happens and could happen, anywhere. You get imbecilic extremism even in the most open-minded countries. I do find myself feeling freer to act in certain ways here than I do in Italy though.

So, you feel a bit more like you can embrace your sexuality here in London?

Elena: Hmm, oh God, do you know what, I haven’t got the faintest idea! I don’t really know how I’d act in Italy. I know that I definitely have more opportunity to be myself here, like when I go for a pint at my local or out with friends. I guess if I’d stayed in Italy I’d have met a different group of people. I’ve never really thought about it. 

Elena: Ruth, do you think I’d have changed? If I wasn’t living here but was living in Italy, instead, and I was gay, do you think I’d be different from how I am here?

Ruth: Maybe, ‘cause you don’t have a gay crowd in Italy.

Elena: All of my best friends in Italy are straight. Maybe it also has to do with this… when people find out how I realised I was gay, and ask me how I was able to be with a guy for four years, the only response I have is, ‘Because it was the only thing I knew’. It was the only reality I lived in, and the only one I believed to be possible. The moment I went to Parma and left my bubble, a whole new world opened up before me. I’d probably have found the ‘gay crowd’ if I’d stayed in Italy.

You’ve worked for some quite ambitious and important people, including for public institutions. Did they know about you at work? How did they react?

Elena: To be honest, I’m not sure if my big boss knew, mainly because we didn’t interact much. My manager knew and didn’t care… I also wasn’t the only one!

Do you think it would be different if you were in the same sort of working situation in Italy?

Elena: I probably just wouldn’t say anything.

You recently changed careers. What are you up to at the moment? Can you tell us why you opted for a change?

Elena: I’d been a chef for ages, and it was the main thing I did here in London. But I’ve always been really interested in make-up and developed a passion for it in my free time. Last year, I decided to make a career of it. There were lots of reasons why I left my old job, but the main one was that I was barely ever home. Ruth used to start work at 5am and I’d get back at midnight most nights. She’d leave in the morning while I was asleep, and I’d get back later that night when she was asleep. We never got to eat dinner together or spend time with each other. I also had to work weekends, which were the only days she got off. So, one of the main reasons was to find something that allowed us to spend time together and actually enjoy our relationship and what it’s like to live together, seeing as it’s been three years now. Paying for a house that you never get to enjoy also seemed a bit silly to be honest. The second reason was that I wanted to do something that made me happy… and being a make-up artist is what makes me happy.

Hi Ruth! Are you from London originally?

Ruth: Yes, I’m from London. I lived in Wales for four years, but other than that I’ve always lived in London.

I wanted to ask you something, seeing as we’re a bilingual magazine. What’s it like going out with an Italian girl? People often say we’re quite an animated bunch!

Ruth: The only thing that comes to mind is that she always wants to talk about everything, whereas I’m very British in that if there’s a problem, I’m perfectly happy not talking about it! But overall, I really like it.

Do you think it’s changed you in any way? Has it made you more ‘Italian’?

Ruth: Well… when I’m in Italy I just accept that people are quite loud and that’s fine. What I eat has changed though, Elena’s introduced me to loads of Italian dishes I’d never eaten before.  But I’m still very British, sorry!

Would you like to live in Italy one day?

Ruth: I don’t loathe the idea, but I do find it quite difficult to get my head around. I don’t speak the language, which puts me in a bit of a tricky situation. But if it were important to Elly, I would consider it. I’ve never wanted to live abroad, but you sort of have to come around to the idea when you meet someone from a different country, right? I’d never say never, but it’s not something I’ve planned on doing.

What do you think of Italian culture?

Ruth: Oh! It’s great! I bloody love it.

As a Londoner, do you think it’s easier being gay in this country?

Ruth: I’d say yes. Italy is still a very religious country. There are lots of people who aren’t religious, but the country itself is still very Catholic. It’s not been our experience personally, in terms of the people in Elly’s circle, or her parents and family, but when it comes to Italy in general, I’d say the political parties get away with a lot of things that would be totally unacceptable here.

The Tory Party here in the UK is less conservative than the conservative parties in Italy. Members of the Tory leadership would never say what they think about gay people publicly, they wouldn’t be allowed to, even if they wanted to. We’re a little more protected politically here in the UK in that sense. Italy doesn’t seem like a dangerous place, but religion always seems to trump everything else.

We just remove harmful people from our life.

You’ve been together for a while now. How many years has it been?

Elena: We’ve been together for…five years… no, wait, it will be six years this year! But we’ve lived together for three.

How have you been accepted here in the UK as a couple? Do you think it would be different in Italy?

Ruth: It’s difficult to say. We’ve never had any negative experiences in Italy, and we’ve never lived there. We’ve not been in that sort of situation. I do feel quite an on edge when we visit Italy, though.

Elena: Yes, because you come across as very gay!

Ruth: London is multicultural and I do also have my worries here… but I worry more about how other cultures might react to us, rather than British people.

Elena: For example, our landlady just couldn’t understand why we needed a double bed as opposed to two singles. It really just depends who you’re talking to!

Ruth: I wouldn’t be anymore reserved or hide who I was if we lived in Italy.

Elena: We would potentially have problems finding a place because landlords often refuse to rent places out… but we’ve never been in that sort of situation personally.

Do you think Italy will ever be able to reach the same level of freedom as the UK?

Ruth: If it did, it would be quite a struggle. The shadow of religion still hangs over Italy, and there’s also the issue of the Vatican. Religion and law are so intertwined that people are still fighting for LGBTQ+ rights and gay marriage… and it’s mainly because Italy’s a Catholic country. The culture is totally enveloped by the Vatican, and it’s what people often associate with Italy. I don’t want to be all doom and gloom, lots of people think Italy will get better… but it will probably take a few generations for things to change.

Elena: Maybe as our generation gets into power things will change, but now right now.

We’re seeing more and more LGBTQ+ characters and stories on TV and in films. Do you think it’s helping to normalise gender equality?

Elena: We’re still talking about people of colour. It’s been a sensitive topic for a long time now. People have fought back so many times, and yet we’re still having the same conversations, and the problem still exists. It’s not yet been ‘normalised’.

We’re just about starting to mobilise ourselves in the LGBTQ+ community and to make ourselves seen and heard, so I think it’s going to take quite a while longer for the gay community.

Ruth: It’s a really difficult question to answer. There are lots of gay people in our friendship group, which is our community and our bubble, so it’s quite difficult to gauge something from the outside when you’re living in it and see it as normal. Lots of people have never had any contact with the gay community. There being more famous gay people and seeing more gay characters on TV is a good way to get people talking about it, and to get people used to it. Children will at least be aware of the gay community and have some point of reference to relate to if they’re finding it difficult to place their feelings, instead of always seeing the same straight characters on screen.

Elena: It’ll take a while.

Would you like to have kids in the future?

Ruth: Yes, we’d like to have children. But getting married isn’t a priority for us.

Elena: Yeah, we’d probably get married to protect our kids more than anything.

Ruth: But yes, it’s something I can see happening in the future.

Do you think it’s easier to have kids here in the UK than in Italy?

Ruth: Here, 100%! Especially in terms of the rights, the second mother has in terms of who gives birth to the child. In Italy, I’d have no rights over the child we were raising together.

Elena: If we were to get married here, Ruth would also be treated as a biological mother!

Ruth: I don’t think Italian law provides for anything like that yet, and I don’t think it will for a long time. Unless you have a lot of money to pay lawyers.

Elena: In Italy, Ruth would never be considered the child’s second biological mother.

The UK seems more advanced in that respect, but… do you have any advice for young Italian people – or adults – who haven’t yet found the courage to come out? What would you say to them?

Ruth: I’m not so sure about the UK… It depends on your family, but it’s definitely safer here. Children feel safer coming out here, including at school. To anyone wanting to come out here in the UK, I’d say that you shouldn’t feel any pressure to do so. You get to decide who to tell, and if you don’t feel safe or comfortable, you don’t have to tell anyone! But if you feel like you want to be the real you, I’d recommend creating a network of people with whom you can socialise, and who get you. I didn’t lose anyone by coming out, so I can’t really speak to the difficulties that come with it. But if you tell someone, and they react badly, in reality, it doesn’t matter… it just means they weren’t the right person to be in your life! Try to surround yourself with a safe network of people with who you feel at ease!

Elena: I’d say the same. One other thing I will say is that there are a lot of people who say they’re your friend, that they’re there for you, and that they have loads of gay friends, but then they say ‘BUT’… Listen, those people don’t care about you. They are not there to support you on your journey, or in your life.

There are too many people who say things like, ‘I don’t have a problem with it… but’. There’s always a ‘but’. There are lots of people out there who don’t have a ‘but’. Find those people. If you want to come out, go for it! But do it when you want to, and with the people, you want to. You don’t owe anyone anything.

People hope that coming out will become ‘normal’… and I know it’s been said a hundred times, but I think we need to get to the point where people don’t even need to ‘come out’, you are who you are and there’s nothing to be ‘discussed’ in that regard.

Thanks so much, it’s been so great talking to you both, and I hope you’ve been able to reach people who are still battling with inner turmoil.

This article is all about celebrating equal rights, but if you’d like to learn more about the rights of the LGBT+ community, check out the following links:

Stonewall

‘We have not achieved equality until every LGBT person, of every colour and background, is able to enjoy equality within our community and outside of it.’

GOV.UK ‘Protecting LGBT+ rights in the UK’

Pride in London – the Official Website for Gay Pride

A series of interesting articles on the LGBT+ community by the Spectator

San Valentino con una coppia LGBTQ+

14 febbraio, il giorno degli innamorati in gran parte del mondo. In UK febbraio è anche il mese ufficiale del “Pride month” in cui si celebra l’eguaglianza di genere e la libertà di amare.

Mentre in Italia questo periodo di festa cade in giugno, in UK a febbraio si celebra il ricordo dell’abolizione della Sezione 28 nel 2003, il Regolamento sull’Eguaglianza nei Luoghi di Lavoro e la proposta del governo di introdurre un Atto di Uguaglianza Unica. Il Pride Month è un mese di sensibilizzazione e lotta ai pregiudizi contro la comunità LGBT+.

Per celebrarlo, abbiamo voluto intervistare Elena e Ruth, una coppia di ragazze conosciutasi qui a Londra da cui è nata una bellissima storia d’amore tra Italia e UK.

Ciao Elena, grazie mille per averci concesso questa intervista, è molto importante poiché a febbraio in UK si celebra il Pride Month, a differenza dell’Italia in cui lo celebriamo a giugno.

Vorremmo sapere un po’ di te, da dove vieni?

Elena: Sono nata a Roma e mi sono trasferita qui a Londra ormai 7 anni fa.

Che studi hai fatto in Italia?

Elena: Ho fatto il liceo classico, dopo di che ho frequentato una scuola per diventare chef e da lì mi sono spostata a lavorare per un periodo in Francia. Poi sono tornata in Italia e come meta finale mi sono stabilita qui in Inghilterra. 

Quindi hai vissuto in ben 3 paesi! Come mai hai scelto di fare questo percorso?

Elena: Ho finito la scuola per chef e uno degli insegnanti mi ha contattata offrendomi una posizione lavorativa vicino Strasburgo. Per essere il primo lavoro subito dopo la scuola e non avendo lavoro in Italia, non avevo nulla da perdere. Quindi ho pensato fosse un’ottima occasione per imparare il mestiere, specialmente in Francia. Sono stata lì 9 mesi, neanche tanto, e poi sono tornata in Italia.

Come mai ti sei spostata a Londra?

Elena: Prima di venire in UK sono tornata in Italia per 5 / 6 mesi, cercando di trovare lavoro come cuoco, ma non sono riuscita a trovare nulla da nessuna parte. Quel che trovavo non mi avrebbe pagata abbastanza (massimo 400€ al mese!!) per non gravare più sui miei. Con un lavoro che mi avrebbe sfruttata non sarei riuscita ad essere indipendente. Così ho dovuto lasciar perdere l’Italia. Con la mia ex ragazza abbiamo deciso di mettere dei soldi da parte e provare a Londra.

Come hai capito di essere gay?

Elena: Allora, eh….allora…allora..a fine liceo uscivo da una storia di 4 anni con un uomo, dopo di che andai a fare questa scuola di cucina dove iniziai questa grande amicizia con questa ragazza, ero ormai quindi già abbastanza grande. Per me è stato così naturale entrare nella relazione con questa ragazza che neanche ho avuto il tempo di dire “ehm però aspetta un attimo me sa che me piacciono le ragazze”; è stata una transizione così naturale, è accaduto e basta. Ovviamente avevo capito che provavo dei sentimenti e non si trattava solamente di un’amicizia e quindi mi ci sono buttata dentro finché è durata.

Era sicuramente una novità per te rispetto a quel che avevi vissuto sino a quel momento! Ne hai parlato prima con i tuoi amici o con la tua famiglia? Come hanno reagito?

Elena: L’ho tenuto nascosto per un po’…per un bel po’ anzi. All’epoca ero in questa scuola per chef a Parma, quindi non ero mai a casa. Alla fine degli studi sarei dovuta andare a fare uno stage da qualche parte e mi mandarono in Toscana quando, all’epoca avevo già una relazione con questa ragazza. Mia mamma sapeva che quest’amica veniva a trovarmi tutte le settimane durante i miei studi lì. Quando la storia è finita, come prima cosa penso di averlo “detto” alle mie migliori amiche…ma in realtà ho detto loro di essermi lasciata con questa persona, non avevo mai detto prima di essere in una relazione con lei. Credo che anche per loro fosse scontato quel che stava accadendo, uscivamo tutti insieme, la vedevano sempre, parlavo di lei continuamente.

A mia mamma avevo già detto prima di lasciarci che mi vedevo con questa ragazza e lei, come prima reazione mi aveva detto “se lei ti rende felice io sono felice”. Quindi comunque c’è stata una reazione molto positiva. Ovviamente poi c’è stato un “periodo di assestamento” a questa situazione. Comprensibile. Dovuto probabilmente anche al fatto che mia mamma non gradisse molto questa persona; c’è voluto un po’ più di tempo per accettarla.

Quindi hai trovato facile accettare te stessa e dirlo agli altri?

Elena: Si si assolutamente! Dopo ho avuto altre ragazze e anche mia madre e tutta la mia famiglia sono stati tranquilli. Ho fatto coming-out con tutta la famiglia materna quando già stavo con Ruth e vivendo già a Londra avevo deciso di mandare una mail a tutti. Non esistevano ancora le videochiamate 7 anni fa! Ho mandato una mail a tutti esclusa mia nonna. Tutti hanno mandato risposte positivissime e  si son lasciati andare in pianti vari!

Dopo di che mia mamma lo disse a mia nonna la quale mi inviò una mail dicendo di averlo capito già dalla prima volta che aveva visto me e Ruth insieme, dall’affinità e l’amore che c’era quando ci guardavamo. Quindi diciamo che con tutta la famiglia si è conclusa in modo bellissimo!

Ti sei persa lo shock visivo a causa della mancanza videochiamate ma direi che è andata bene!

Elena: Beh…riacquisito subito dopo, quando hanno incontrato Ruth per la prima volta..e mia nonna, di 80 anni, chiedeva “can i speak with your partner at the phone?*”

* ”posso parlare al telefono con la tua ragazza?”

Come ha reagito la gente intorno a te? E’ stato facile rispetto a come sarebbe potuto essere in Italia?

Elena: Mah in realtà io penso di essere stata molto molto fortunata. La realtà in Italia è un po’ diversa e penso di essere stata molto fortunata con la reazione della mia famiglia, anche se in realtà un po’ “me l’aspettavo” conoscendoli e conoscendo il loro pensiero. Cioè mio fratello è uno che va al gay pride a Roma senza di me!! Io sono stata molto fortunata ma so di persone che conosco che hanno avuto reazioni molto diverse della propria famiglia.

Credi quindi che ci siano differenze tra Italia e UK nel rispetto verso comunità LGBTQ+?

Elena: Si, si, assolutamente. Assolutamente si, ma naturalmente ovunque andrai ci sarà l’estremista e l’omofobo. Anche qui è successo che ci siamo baciate su Oxford Street e una pazza dal finestrino del bus ha iniziato a urlarci contro! Questo purtroppo succede e succederà ovunque vai, anche nel paese più aperto di mente che esista avrai l’estremista deficiente. Però sicuramente mi sento più libera di fare e comportami in determinati modi qua rispetto che in Italia.

Londra quindi ti fa sentire più libera e ti fa vivere la tua omosessualità più serenamente. Questo pensi abbia cambiato qualcosa in te e nel tuo modo di essere e di esprimerti?

Elena: Hm, onestamente non ne ho la più pallida idea! Non so come mi sarei comportata in Italia. So che qua ho sicuramente più possibilità di essere me stessa. A partire dal locale per una birra al giro di amicizie che abbiamo qua. Sicuramente se fossi rimasta a vivere in Italia mi sarei fatta un giro di persone diverso. Non me lo sono mai chiesto. 

Elena: Ruth, do you think I’d have changed? If I wasn’t living here but I was living in Italy, instead, and I was gay, do you think I’d be different from how I am here?*

*Ruth, pensi che sarei cambiata? Se non stessi vivendo qui in UK ma in Italia, essendo gay, pensi che sarei diversa da come sono qui?

Ruth: Maybe ’cause you don’t have a gay crowd in Italy*

*Forse, ma perché in Italia non hai una tua comunità gay.

Elena: Tutte le mie migliori amiche in Italia sono etero. Forse è stato anche questo..riscoprendo come ho capito di essere gay e quando mi chiedono come sia possibile io sia stata con un ragazzo per 4 anni, l’unica risposta che riesco a darmi è “perché era l’unica cosa che conoscevo”. Era l’unica realtà che avevo accanto a me e quindi l’unica che pensavo possibile. Non appena sono andata a Parma uscendo dal mio circolo, mi si è aperto un mondo. Probabilmente mi sarei comunque creata una “gay crowd” se fossi rimasta in Italia.

Sappiamo che, qui a Londra, hai coperto delle figure lavorative ambiziose e importanti, addirittura per istituzioni pubbliche. Sapevano di te a lavoro? Come hanno reagito?

Elena: In realtà il big boss non so se sapesse, anche perché abbiamo avuto poche interazioni. Il mio capo sapeva ed era tranquillo..in più non ero l’unica, quindi!

Nella stessa posizione lavorativa in Italia, pensi sarebbe cambiato qualcosa?

Elena: Forse semplicemente non lo avrei detto.

Hai cambiato da poco lavoro, in cosa ti sei lanciata? Ci confidi il perché di questa scelta?

Elena: Ho fatto la cuoca per un sacco di tempo e anche qui a Londra era il mio mestiere principale. Però sono sempre stata appassionata di make up e ho sviluppato l’interesse nel privato della nostra casa. L’anno scorso invece ho deciso di provare a farne una carriera. Ho avuto tanti motivi per lasciare il vecchio lavoro, ma uno dei principali è stato il non essere mai in casa. Ruth iniziava a lavorare alle 5 del mattino e io tornavo quasi tutte le sere a mezzanotte. Lei usciva di casa che io dormivo e io rientravo che lei dormiva, non riuscivamo mai a organizzare una cena insieme o a passare del tempo insieme. Io potevo dover lavorare i fine settimana, gli unici giorni che lei era off. Uno dei motivi principali quindi era trovare qualcosa che ci consentisse di passare più tempo a casa e “viverci” di più sia la relazione che la convivenza, di ormai 3 anni. Anche pagare una casa per non godercela mai insieme era un po’ stupido. un altro motivo è volevo fare qualcosa che mi rendesse più felice, per adesso fare la truccatrice è ciò che mi rende felice.

Ruth, mi è stato anticipato da Elena di dover passare all’ Inglese! 

Sei di Londra?

Ruth: Si sono di Londra. Ho vissuto in Galles per 4 anni ma il resto del tempo Londra.

Vorrei chiederti una curiosità, essendo un magazine bilingue. Come vivi la tua relazione con una ragazza Italiana? E’ noto che siamo persone “casiniste” (very loud people)! 

Ruth: L’unica cosa che mi viene in mente è che lei ha sempre la necessità di parlare di qualsiasi cosa mentre io sono molto inglese in ciò, se c’è un problema sono ben felice di non parlarne e tirarmene fuori! Ma mi piace, in generale.

Pensi che questo ti abbia cambiata in qualche modo? Ti sei “italianizzata”?

Ruth: beh, quando sono in Italia accetto che tutti siano “casinisti” e che questo va bene. Quel che mangio però è cambiato, lei mi ha introdotta a tantissimo cibo italiano che non avevo mai mangiato. Ma sono ancora molto British, mi dispiace! 

Ti piacerebbe andare a vivere in Italia? 

Ruth: Non aborro l’idea, ma ammetto che ho difficoltà con questo pensiero. Non parlo la lingua il che mi metterebbe parecchio in difficoltà. Ma se fosse importante per Elly proverei a considerare la possibilità. Non è mai stata mia intenzione di vivere all’estero però devi cambiare idea se incontri qualcuno di straniero, no? Non sono chiusa all’idea, ma non è qualcosa che ho pianificato.

Cosa pensi della cultura Italiana?

Ruth: E’ meravigliosa, la amo! (Oh! It’s great! I bloody love it )

Da Londoner, pensi che in questo paese la gay life sia più easy?

Ruth: Si direi di si. L’Italia è ancora molto attaccata alla religione. Ci sono molte persone non religiose, ma è ancora un paese molto cattolico. Non abbiamo avuto esperienze dirette con persone che circondano Elly, né con i suoi genitori né con la sua famiglia, ma parlando della società italiana in generale mi sembra che il potere politico la faccia franca avendo dei comportamenti che qui sarebbero ingiustificabili. 

Il partito conservatore in UK è meno conservatore di quello italiano, in UK non direbbero mai quel che pensano delle persone gay a voce alta, non potrebbero farlo neanche volendo. Noi siamo un po’ più protetti politicamente parlando. L’Italia non mi sembra pericolosa ma la religione ha sempre scavalcato tutto il resto. 

Noi semplicemente eliminiamo le persone potenzialmente pericolose dalla nostra vita.

State insieme da un po’ ormai, quanti anni sono?

Elena: Siamo insieme da cinque anni…no, ok questo è il sesto! Ma viviamo insieme da tre.

Come viene accolta questa famiglia in UK? In Italia sarebbe stato diverso?

Ruth: E’ difficile da dire, non abbiamo mai avuto esperienze negative in Italia e non abbiamo mai vissuto lì. Non abbiamo avuto questo tipo di confronto. 

Quando andiamo lì mi sento molto nervosa però.

Elena: Si, perché sembri molto gay!

Ruth: Londra è multiculturale e anche qui mi preoccupo, ma mi preoccupo più di come le altre culture possano reagire che le persone inglesi.

Elena: Per esempio la nostra padrona di casa ha avuto difficoltà a capire che avremmo avuto bisogno di un letto matrimoniale e ci aveva proposto due singoli. Dipende molto da con chi parli e chi hai davanti!

Ruth: Non sarei più riservata o nascosta se vivessimo in Italia. 

Elena: Forse avremmo problemi a trovare casa perché spesso i proprietari rifiutano di dare in affitto. Qui non abbiamo mai avuto esperienze simili.

Pensate che in Italia si possa raggiungere, anche nel futuro, lo stesso livello di libertà che si ha attualmente in UK?

Ruth: Se avverrà sarà una lotta molto difficile. C’è ancora l’ombra della religione in Italia e avete il Vaticano lì. Religione e legge sono così vicine che ancora si lotta per i diritti LGBTQ+, per i matrimoni gay e questo avviene soprattutto perché siete un paese cattolico. La vostra cultura è circondata dal Vaticano ed è ciò che le persone associano all’Italia. Non voglio essere pessimista, molti paesi pensano che l’Italia migliorerà ma probabilmente ci vorranno ancora molte generazioni per cambiare le cose. 

Elena: Forse quando la nostra generazione sarà al potere qualcosa cambierà, ma non adesso.

Vediamo sempre più personalità LGBTQ+ nel cinema e in tv e più storie gay nelle serie e nei film, pensate questo stia aiutando a “normalizzare” la gender equality?

Elena: Ad oggi stiamo ancora parlando delle iniquità verso le persone di colore. E’ stato un argomento caldo per moltissimo tempo, ci sono state ribellioni eppure se ne parla ancora. Ed esiste ancora il problema, non è ancora stato “normalizzato”.

Nella comunità LGBTQ+ stiamo iniziando ad essere attivi e farci vedere proprio adesso per cui penso ci vorrà molto tempo per le persone gay.

Ruth: E’ veramente difficile rispondere. La nostra cerchia di amici include tantissime persone gay, è la nostra comunità, la nostra bolla. È difficile percepire dall’esterno una cosa che per noi è normale. Molte persone non hanno mai contatti con persone gay. Avere più celebrità gay o più personaggi omosessuali nelle serie e nei programmi tv è un buon modo di portare le persone a parlarne e abituarsi. I bambini possono iniziare a confrontarsi con questa realtà e magari avere un punto di riferimento a cui relazionarsi quando non capiscono cosa gli stia accadendo, invece di avere solo un esempio eterosessuale perennemente presente. 

Elena: ci vorrà molto tempo.

Vorreste dei figli in futuro?

Ruth: Si, vorremmo avere figli. Ma per noi il matrimonio non è una priorità.

Elena: Si, il matrimonio sarebbe più per proteggere i diritti dei bambini.

Ruth: È un qualcosa che riesco a vedere nel nostro futuro.

Pensate sia più facile avere figli qui in UK che in Italia?

Ruth: qui, assolutamente! Specialmente in termini di diritti della seconda madre rispetto a quella che partorisce il bambino. In Italia io non avrei diritti sui bambini che cresceremmo insieme.

Elena: Se ci sposassimo in UK Ruth sarebbe la madre naturale dei bambini!

Ruth: non credo che la legge italiana preveda ancora nulla di simile e non credo che ciò cambierà nel breve periodo.

La Gran Bretagna mi sembra “più avanti” in tal senso. Avete consigli per i ragazzi – o gli adulti – italiani ancora in patria che non trovano la forza di fare coming out? Cosa direste loro?

Ruth: Non sono molto sicura riguardo l’UK! Dipende comunque dalla tua famiglia ma è sicuramente più sicuro. Qui i bambini possono sentirsi più al sicuro nel fare coming-out anche a scuola. A chi vuoi fare coming-out qui in UK io direi che non ci deve essere pressione in tal senso. Tu decidi a chi dirlo e se non ti senti a tuo agio o al sicuro, non devi per forza dirlo a qualcuno, non è un dovere! Ma, se vuoi liberare il vero te stesso, probabilmente cerca di crearti una rete di persone con cui puoi socializzare che ti capiscano. Io non ho perso nessuno attraverso il mio coming-out per cui non posso parlare delle difficoltà che potrebbero esserci. Se decidi di dirlo a qualcuno e hai delle difficoltà a capirlo o reagisce male, in realtà non ti deve importare! Significa solamente che non erano persone giuste per te in ogni caso! 

Se tu sei quella persona, cercati una comunità sicura con cui sentirti a tuo agio!

Elena: Io penso la stessa cosa. Un consiglio che mi sento di dare è: c’è tanta gente che dice di essere tuo amico e di volerti bene, che dice di avere tanti amici gay “ma…”, ecco, quando viene aggiunto questo “ma” quella non è una persona che vuole il tuo bene. Non è una persona che ti supporta o vuole stare vicino a te nel tuo percorso, nella tua vita. 

Ci sono troppe persone che dicono “per me non c’è nessun problema…però”, c’è sempre quella parte di “però”. Ci sono tante altre di persone che, invece, non hanno nessun “però”. Circondati di quelle. Se vuoi fare coming-out e fallo quando ti senti di farlo e con chi ti senti di farlo. Non lo devi a nessuno. 

Tanta gente spera che il coming-out venga normalizzato ma per quanto siano cose dette e ridette, secondo me si deve arrivare ad un punto in cui fare coming-out non sia necessario, sei quel che sei e non è necessario fare comunicazioni a riguardo.

Grazie mille ragazze, è stato molto bello parlarvi e spero riusciate a raggiungere tutte quelle persone ancora in difficoltà col vivere se stesse.

L’articolo vuole celebrare tutti i diritti di uguaglianza, ma se volete approfondire la lotta per i diritti della comunità LGBT+ vi lascio qualche link importante:

Stonewall

“We have not achieved equality until every LGBT person, of every colour and background, is able to enjoy equality within our community and outside of it.”

GOV.UK “Proteggere i propri diritti in UK”

Pride in London “il sito ufficiale del Gay Pride” – https://prideinlondon.org

The Spectator “una serie di articoli molto interessanti sulla comunità LGBT+ “

Photos are courtesy of Elena and Ruth.

Editor & Photographer | Website | + posts

Documentarist photographer and urban explorer. Her photography focuses on critical aspects in today’s relationship between people and architecture through either an academic or a fictional approach.

Back To Top