Are we all addicted to social media?

Are we all addicted to social media?

Siamo tutti dipendenti dai social media?

It’s not easy being a freelancer in a city where everybody and everything is always on the move, even the clouds in the sky.

Being a freelancer means being ready, responsive, and able to adapt to the needs and moods of clients. Freelance work requires us to be active, and doing so in a city like London means keeping your finger on the pulse and remaining constantly informed on the latest news and trends. This has been especially true in the past eighteen months, as everything has changed so quickly.

But how are we supposed to keep up with the endless flow of information?

Over the past decade, the answer has become very simple: social media.

We’ve all found our way into the social network, even if only temporarily. We all know what a Facebook wall or Instagram post looks like and we all take for granted the fact they have become a part of our lives.

But how do we interact with social media? Can we find a balance between the need for information and addiction? Unfortunately, the answer is often no.

On a psychological level, it often comes down to our perennial need for acceptance and our primordial instinct to find a group of similar people with whom we can share everything about ourselves. There are also plenty of chemical and biological factors involved that relate to the dopamine our brain releases every time we feel appreciated, such as when we receive a compliment in person or a reaction to an Instagram story or retweet. The release of dopamine by our central nervous system causes us to instinctively crave that same pleasant feeling whenever we can.

A while ago I found myself looking up from my smartphone screen and realising I didn’t have any idea how much time I’d spent staring at Instagram. My brain was no longer responding to the images I was scrolling through. I had created a kind of self-induced trance in which I did not think, observe, or perceive time passing.

It was like an awakening.

I began to notice how much time I spent staring at my phone for no real reason and decided to limit my use as much as possible.

For a few weeks, I struggled not to look at my screen on the tube, except to skip the song I was listening to. I looked around, I read a book, sometimes I slept.

During these transitory moments on public transport, I began to realise something: I was almost always the only one not looking at their phone.

I remembered my mother’s words, who increasingly compares people to ‘smartphone zombies’ and slowly began to notice a whole series of things while almost everybody else was as absorbed in another (fake) reality.

I decided I didn’t want to be a ‘smartphone zombie’, or at least, not anymore.

I started discussing the topic with different people and found that even though awareness of this concept is quite widespread among the people I know, very few of them have decided to counteract it.

One of these people is Emanuel Bonomo who, besides being an excellent colleague at Pepe Magazine (you can read his articles here), is also a very good friend. His point of view enlightened me.

A couple of years ago he decided to delete all social media and stop ‘wasting’ his time. The thing he most noticed about himself was his improved ability to concentrate and stay focused for long periods on a task, as if using (or abusing) websites and social media had gradually eaten away at his ability to maintain a high level of concentration.

In una città in cui corrono tutti, persino le nuvole nel cielo, essere freelancer non è facile.

Essere freelancer significa essere pronti, reattivi, adattabili alle esigenze dei clienti e ai loro caratteri. Se questo tipo di lavoro porta ad essere attivi, farlo in una città come Londra significa essere perennemente aggiornati su ogni tendenza e costantemente informati sulle ultime news, soprattutto in questi ultimi diciotto mesi in cui tutto cambia così rapidamente. 

Come fare a seguire tutto questo flusso di informazioni? 

La risposta negli ultimi dieci anni è stata molto semplice: social media. 

Tutti ci siamo finiti dentro, anche solo per qualche tempo. Tutti sappiamo come appare una bacheca di Facebook o una home di Instagram e tutti diamo per scontato che sia parte delle nostre vite.

Ma come interagiamo con i social media? Riusciamo a creare un equilibrio tra necessità di informazioni e dipendenza? La risposta purtroppo molto spesso è no. 

Le ragioni andrebbero ricercate a livello psicologico nel nostro perenne bisogno di accettazione e nel nostro istinto primordiale a doverci creare un gruppo di simili con cui condividere quasi tutto. Al tempo stesso le ragioni sono chimiche e biologiche che vanno a ricollegarsi alla dopamina che il nostro cervello rilascia ogni volta che riceviamo un apprezzamento che sia un complimento dal vivo o una reazione ad una storia su Instagram o un retweet portandoci istintivamente a cercare di replicare sempre più spesso questa piccola scarica piacevole nel nostro sistema nervoso centrale. 

Qualche tempo fa mi sono ritrovata ad alzare la testa dallo schermo del mio smartphone rendendomi conto che non avevo la più pallide idea di quanto tempo avessi passato a fissare Instagram. Il mio cervello non era nemmeno più reattivo alle immagini che stavo facendo scorrere sotto il mio pollice, avevo creato una sorta di trance auto-indotto in cui non pensavo, non osservavo per davvero, non avevo più la concezione del tempo che passava. 

È stato come un risveglio. 

Ho iniziato a notare quanto tempo passassi a fissare il telefono senza una vera ragione e quindi a cercare di limitarne il più possibile l’uso. 

Per qualche settimana in metropolitana mi sono sforzata a non guardare lo schermo se non per cambiare canzone nelle cuffie. 

Mi sono guardata in giro, mi sono portata un libro, qualche volta ho dormito. 

Durante questi momenti sui mezzi pubblici mi sono spesso resa conto di una cosa: quasi sempre ero l’unica che non stava guardando il telefono. 

Mi sono tornate in mente le parole di mia madre che paragona sempre più spesso le persone a “zombie da smartphone” e ho cominciato a far caso a tutta una serie di cose che piano piano ricominciavo a notare mentre quasi tutti gli altri erano come assorbiti da un’altra, fittizia, realtà. 

Ho deciso che non volevo essere una “zombie da smartphone” o almeno, non più. 

Ho cominciato a parlarne con varie persone e ho scoperto che, anche se la consapevolezza è parecchio diffusa tra le persone che conosco, ben poche hanno deciso di reagire in qualche modo. 

Una di queste persone è sicuramente Emanuel Bonomo che, oltre essere un ottimo collaboratore di Pepe Magazine (potete leggere i suoi articoli qui) è un buon amico. Il suo punto di vista è stato per me illuminante. 

Se da un paio di anni ha deciso di cancellare tutti i social network per  eliminare il tempo perso, il risultato che ha notato di più su sé stesso è stata la capacità di concentrarsi e di rimanere concentrato per lunghi periodi su di una task, come se l’uso (o forse bisognerebbe cominciare a parlare di abuso) di questi siti provocasse una graduale incapacità a mantenere un alto livello di concentrazione qualunque sia l’attività che stiamo svolgendo. 

Another friend of mine stopped using social media altogether about three years ago and, while admitting that she does miss some ‘convenient’ features such as Facebook Marketplace or Events, she would never go back. The reason? Self-esteem. She is a 33-year-old woman born and raised in the UK (although the same applies to anyone born in a Western country) and after years of using social media, she had begun to feel ‘wrong’. Wrong in the way she dressed, wrong for the venues she went to, wrong for the food she ate. Nothing was ever enough. Her clothes weren’t trendy enough, the food she ate in restaurants wasn’t cool enough, and the places she frequented were never on the top list of places to take the best selfie.

Her reaction was rational, she understood that she was not immune to the problem, she eradicated it and then went back to being herself. In turn, she rebuilt her self-esteem and found pleasure in doing what she likes to do.

How many of us would dare to do the same? How many of us realise that we are overdoing it? What we are addicted to? That we change our beliefs and hobbies to align with what’s trendy on social media?


Increasingly interested in the topic, I found myself watching an amazing Netflix documentary called The Social Dilemma in which several IT gurus with experience working for Facebook, Google and Twitter reveal what goes on behind the scenes and the reasons they decided to quit social media for good. Suffice it to say that none of them has any kind of social media account and they do not allow their children to have ‘screen time’.

So, how did I conclude my inner search? And above all, how did I solve my quest to strike a balance between remaining informed and forming a dependency?

  • I have not deleted my social media accounts, at least for now, simply because without a personal account you often cannot update business accounts (such as Pepe Magazine)
  • I have removed all social media apps from my iPhone except for Instagram, which can only be managed via mobile
  • I have removed all Instagram and Whatsapp notifications so that I can read messages and reply to them when I want to, without any kind of psychological pressure
  • I have set a screen time limit of 15 minutes a day for my social media apps (i.e., Instagram). If I reach the limit, I can’t access the apps until midnight
  • I have downloaded a couple of news apps to stay informed.

The result?

  • I open Facebook once every 2-3 days when I am on my laptop to update the pages I manage. If I have any notifications I read them, if not I log out because I no longer keep up with people’s walls so I don’t understand half of their posts
  • I rarely open Instagram, and very often I wonder if I really care about what I’m looking at and the answer is almost always no, so I log off
  • I stay informed thanks to news sites providing (hopefully) verified news
  • I can stay focused for much longer and am more productive
  • I remember the things people tell me
  • I realise how many beautiful things are happening around me and return home feeling much happier
  • On the tube, I read my book and time passes much more quickly than it did before
  • I fall asleep the moment I turn off my bedside light

The clouds still pass by as quickly as before but now I look at them through contented eyes.

Try it, it’s worth it.

Un’altra mia amica ha tolto qualsiasi social media circa tre anni fa e, pur ammettendo che le mancano alcune funzioni “comode” come Facebook Marketplace o gli eventi che spesso si trovano solo su Facebook, non tornerebbe mai più indietro. 

Il motivo? L’autostima. 

Essendo una ragazza di 33 anni nata e cresciuta nel Regno Unito (ma il discorso sarebbe analogo per chiunque nato in un paese occidentale) dopo anni di presenza constante sui social media ha cominciato a sentirsi “sbagliata”. 

Sbagliata nel modo in cui si vestiva, sbagliata per i locali che frequentava, sbagliata perfino per il cibo che mangiava. 

Niente era mai abbastanza. 

I vestiti non erano abbastanza alla moda, il cibo dei ristoranti non era mai abbastanza cool e i locali dove andava non erano quelli nella top list in cui tutti vanno per farsi i selfie.

La sua reazione è stata razionale, ha capito che non era immune al problema e lo ha eliminato alla radice per poi tornare ad essere sé stessa riguadagnando l’autostima e il piacere di fare quello che le va di fare.

Quanti di noi hanno il coraggio di fare lo stesso?

Quanti di noi hanno la capacità di accorgersi che stanno esagerando? Che ne siamo dipendenti? Che modifichiamo il nostro atteggiamento e usiamo il nostro tempo libero per fare quello che risulta trendy sui social media?

Sempre più interessata alla faccenda, mi sono ritrovata a guardare un bellissimo documentario che trovate su Netflix “The Social Dilemma” dove una serie di programmatori informatici che lavoravano direttamente per compagnie quali Facebook, Google o Twitter raccontano la propria visione del dietro le quinte e le ragioni per cui hanno deciso di abbandonare quei lavori. 

Non anticiperò nulla ma sappiate solo che tutti loro non hanno più account di nessun tipo e non concedono ai propri figli nessun tipo di screen time.

Come ho concluso la mia ricerca interiore? E soprattutto come ho risolto la mia necessità di equilibrio tra essere informata senza essere dipendente?

  • Ho tenuto gli account, almeno per ora, semplicemente perché senza account personali non si possono aggiornare account “pubblici”come i profili social di Pepe Magazine. 
  • Ho tolto tutte le app social dal mio iPhone tranne Instagram che si gestisce solo da smartphone. 
  • Ho tolto qualsiasi tipo di notifica da Instagram e anche da Whatsapp perché leggo quando riesco e rispondo quando voglio, senza alcun tipo di dipendenza psicologica. 
  • Ho impostato un tempo massimo di 15 minuti giornalieri in cui posso accedere ai social media da smartphone (cioè a Instagram) oltre i quali l’app si blocca fino alla mezzanotte.
  • Ho scaricato un paio di app di quotidiani che mi permettono di avere le informazioni.

Risultato? 

  • Apro Facebook una volta ogni 2-3 giorni quando sono al computer per aggiornare i profili delle pagine che gestisco, se ho notifiche le leggo, se non ho niente chiudo perché non avendo più il filo conduttore dei post condivisi in bacheca non capirei metà delle cose. 
  • Guardo poco Instagram, molto spesso mi chiedo se davvero mi interessa cosa sto guardando e la risposta è quasi sempre no quindi chiudo.
  • Sono informata grazie ai quotidiani che mi garantisco di avere un’informazione verificata (si spera) e completa.
  • Sono capace di mantenere la concentrazione molto più a lungo e sono molto più produttiva.
  • Mi ricordo le cose che la gente mi dice. 
  • Fuori casa mi rendo conto di quante cose belle ci siano ancora e torno a casa molto più felice.
  • In metro leggo un libro con le pagine di carta e il tempo mi vola più di prima.
  • Mi addormento subito quando spengo la luce.

Le nuvole corrono ancora veloci come prima ma adesso le guardo con gli occhi pieni di piacere. 

Provateci, ne vale la pena. 

Editor in chief & Photographer | Website | + posts

Giulia is a freelance photographer and photojournalist. Born in Ferrara (Italy) in the late 80s, she moved to London in October 2019. Pepe Magazine creator. Lefty, arachnophobic, rabbit lover and now, editor in chief.

Back To Top