Pepe Magazine Belonging Emanuele Bonomo stories

Belonging

Belonging

Where do I belong?

These words tend to come to mind when I least expect it. 

Back in Italy, before I left, I had started to feel like I didn’t belong. I often felt at odds with my friends and family when discussing topics and ideas. I felt like an alien in their eyes. They didn’t see the logic behind what I was saying. It was a real motivating factor in my decision to leave home. 

We’ve all felt like the outsider at times; it happens to everyone. But when it becomes a regular occurrence — and you start to feel like a mirror image of your surroundings, rather than your true self — certain doubts about who and what you really are begin to take root.

As teenagers, these feelings are all too familiar, and they often result in our being a bit aloof, probably out of a fear of rejection, or maybe because we aren’t quite ready to tackle the world on our own, and instead feel a real need to belong to a group. But as we get older, life starts to take a turn, steered by the need to be different and let our true identities come out of the woodwork. All of these feelings contributed to my leaving, and my decision to give myself a chance to be the real me, free from judgement.

Belonging is something that’s pretty hard to explain but easy to feel, such as belonging to a place, a clique, or a social class. I decided to leave home, face the world and find people who shared similar interests, ideas and creativity, and I ended up travelling the world.

London. In the beginning, I really felt like I could be myself in London, someone without a past or future. Just the real me. I didn’t know anyone, I was just living in the moment. I felt accepted. I could be myself all the time. I belonged to the city’s streets, pubs, workplaces, discussions and conversations. I thought I had finally found the perfect place to express myself. I felt like a plant that had found its ideal climate; that’s what London was for me, the perfect ‘terroir’ in which to grow into my best self. Maybe the honeymoon period came to an end, or maybe I just grew up a bit, but things started to change after a while. And three years down the line, I found myself stuck in the same old routine again, spending hours on Google Maps imagining how my life might be somewhere else.

Australia. And so, off I went to Australia, but to be honest, I never felt like I truly belonged there. It’s an amazing country, but it really wasn’t for me. Sooner or later, a feeling of nostalgia for the UK came knocking at my door. And the same thought sprung to mind again, where do I belong?

Spending time away from home allowed me to realise that I’d always belong to where I was born, but that a part of me also belonged to London, and yet another part of me would always want to sling a backpack over my shoulder and set off to discover new things. 

I returned to Italy with the intention of staying for good, but guess what? I realised I didn’t belong there anymore. It didn’t feel right. I wasn’t happy. I didn’t feel at home.

Feeling empty and with no fixed abode, I had nowhere to call my own. I didn’t belong anywhere, I didn’t have a base. I thought to myself, ’’Where are you even going if you don’t know where you come from?” I must admit, what came next was probably the hardest time of my life so far. The feeling of ‘not belonging’ made me feel empty inside, and I slowly lost my identity. I felt like a flag blowing in the wind, and to be honest, I’ve never liked being at the whim of others. I need to have the power to make my own decisions and mistakes, to live my life how I want, simply because it is mine. My life belongs to me, and not the other way around.

Next thing I knew I was in hospital, covered in wires and undergoing tests to find out why I was stuck in a loop of panic attacks and anxiety. The solution? A psychologist. But how the hell had I ended up at this point? I didn’t feel like I belonged on a sofa trawling through old memories, trying to understand what had brought this all on. A year later, my anxiety had started to subside, but I still didn’t feel like I belonged in my home town. And I didn’t feel like I belonged in London, either. 

I booked a one-way flight and packed a bag. I ended up spending ten months travelling, and in each place I visited, I would play out different scenarios in my head to see if there was any potential for me to live or ‘belong’ there. I met tons of people like me, many of whom were essentially homeless, but weren’t worrying about where they were headed next; they were simply living in the moment. 

I meditated for days in silence. I volunteered. I worked on farms. I hiked the Himalayas. 

Things slowly started to make sense.

I didn’t belong to a specific place, and my mind didn’t belong to me, it belonged to my emotions.

When you get the chance to see the world from a new perspective, to admire it from nearly 5,000 metres above sea level, you start to realise that every little piece of the world is connected. Borders are nothing more than imaginary lines that divide the earth into smaller pieces. And when you look at it all with fresh eyes, you start to realise that it’s essentially just a massive rotating rock. A rock that belongs to something bigger, our galaxy, followed by our universe, and then well.. who knows.

By the end of my trip I’d realised I needed to open myself up to the world, to the universe, and to truly ‘existing’. It was only after this pilgrimage that I came to understand where I truly belonged.

My home is the universe, the cosmos, my ‘being.’ We are all human beings, limited to some extent, but always striving to push ourselves further and further, and in order to do so, we need to open our minds and change our way of thinking.

I was born somewhere, and I should belong there, to some specific religion or way of thinking. But by making a change and allowing myself to be someone else, and to try out lots of different ways of being — as if I were trying on different outfits — I’ve found what suits me best. 

I got back in touch with nature and my soul. I belong to the universe now, and I no longer feel out of place. Every single thing I come into contact with belongs to everything, just like I do. We all belong to a much bigger picture. 

I belong to myself, to my emotions, and to my limitless mind. What comes out of us belongs to us, just like we belong to something much bigger than we will ever comprehend.

Belonging

A dove appartengo?
Sono parole che da sempre corrono e rimbalzano tra i miei pensieri, qui e là, quando meno me lo aspetto. 

Quando ero a casa, in Italia, prima di partire, il mio pensiero era basato sul fatto di non appartenere a quel luogo. I discorsi e le idee di cui si parlava tra amici e parenti il più volte non erano condivisi o, almeno posso dire, non erano miei. Mi sentivo un alieno ai loro occhi. Le mie opinioni erano prive di logica per loro. Questo sentimento fu uno dei motivi principali che mi spinse a lasciare casa. 

Sentirsi un outsider è un sentimento che di certo è accaduto ad ognuno di noi, ma quando questo diventa un’emozione costante – sentendosi chiusi nella certezza di non avere la possibilità di essere veramente sé stessi ma solo una copia di quello che ci circonda – è molto probabile che si sviluppino domande e dubbi sul chi o sul cosa siamo veramente.

In adolescenza questi sono i classici pensieri dai quali si cerca di star lontani per la paura dell’essere rifiutati, probabilmente non essendo pronti a battagliare contro il mondo da soli ma con la necessità di sentirsi parte di un gruppo. Crescendo, le cose iniziano a prendere un’altra piega, mosso dalla necessità di essere diverso per lasciare che la vera identità esca dall’acqua e inizi ad essere più forte. Questi pensieri mi hanno portato a lasciare casa, a darmi una chance per essere me stesso, libero dai giudizi.

L’appartenenza è un concetto difficile da spiegare ma facile da provare, appartenere ad un luogo, ad un gruppo, ad una classe sociale. Ho deciso di andare, lasciare casa e affrontare il mondo cercando persone che condividano gli stessi interessi, idee, creatività e così sono finito a fare il giro del mondo intero.


Londra.
All’inizio, in una città come Londra, potevo davvero essere me stesso non avendo un passato o un futuro. Ero me stesso in quel momento. Non mi conosceva nessuno, ero pura essenza. Mi sentivo accettato, potevo essere me stesso al cento per cento, appartenevo alle strade, ai pub, ai lavori, alle discussioni, agli incontri. Pensavo finalmente di aver trovato l’ambiente migliore per potermi esprimere Ero la pianta che aveva trovato il suo clima ed il terreno giusto per crescere al meglio. A Londra avevo trovato il mio ‘terroir’ per poter crescere perfettamente.Sarà stata la fase iniziale dell’innamoramento, sarò forse cresciuto io, ma le cose iniziarono a cambiare dopo un po’. Dopo tre anni mi ritrovai di nuovo in una quotidianità noiosa, passando ore su Google Maps ad immaginare come sarebbe stata la mia vita in un altro luogo. 

Australia. Decisi di partire per l’Australia, anche se ad essere sinceri, non mi sono mai sentito di appartenere a quel bellissimo e meraviglioso paese. L’ Australia ma non faceva per me e la nostalgia per Londra tornò in meno di un anno a bussare alla mia porta. Fu in quel momento che il grande quesito mi si pose davanti, a dove appartengo?


Dopo qualche anno lontano dall’Italia capii che appartenevo al mio luogo di nascita, una parte di me apparteneva a Londra e al tempo stesso appartenevo anche al mio zaino e alla mia sete di scoprire cose nuove.


Tornai a casa provando a restare ma.. indovinate?! Realizzai che non appartenevo nemmeno a quel posto, non più, non mi sentivo a mio agio, non ero felice, non ero a casa.

Vuoto e senza casa. Non avevo un posto da poter chiamare mio. Non avevo una base. Mi chiesi: ’’Dove pensi di andare se non sai da dove vieni?” quelli furono forse i giorni più difficili della mia vita fino ad ora.  Il “non appartenere” mi faceva sentire vuoto, lentamente perdevo me stesso. Ero una bandierina nel vento, ma non mi è mai piaciuto farmi guidare da qualcuno o qualcos’altro. Devo avere la possibilità di prendere le mie decisioni e commettere i miei errori, vivere la vita come mi pare, per il semplice fatto che è mia. La vita mi appartiene non sono io che appartengo a lei.


Un attimo dopo mi ritrovai in ospedale, circondato da cavi facendo infiniti test, per poi scoprire che mi ritrovavo in un circolo vizioso di attacchi di panico e crisi d’ansia. La cura? Lo psicologo. Cosa diavolo ci facevo li? Non appartenevo ad un divano sul quale smembrare tutto il mio passato per capire le ragioni di quella mia attuale condizione. Un anno dopo iniziai a sentirmi meglio ma ancora non mi sentivo a casa pur essendoci e sapevo che non mi sarei sentito bene nemmeno tornando in Gran Bretagna. 

Prenotai un volo di sola andata e preparai lo zaino. Spesi dieci mesi a viaggiare e, per ogni luogo che visitavo la mia mente disegnava possibili scenari su come sarebbe stato viverci. Incontrai migliaia di persone come me, molte di loro praticamente senzatetto che non si preoccupavano del prossimo passo, vivendo semplicemente nel momento. 

Ho meditato in silenzio per giorni, fatto il volontario, ho lavorato in una fattoria, ho camminato sull’Himalaya.

Ho iniziato a capire. 

Non appartenevo a questo o a quel posto, la mia mente invece che appartenermi iniziava ad appartenere alle mie emozioni.


Quando si ha la possibilità di vedere il mondo da un’altra prospettiva si realizza come ogni singolo piccolo pezzo del globo sia connesso. I confini non sono altro che delle linee immaginarie e, guardando questo nostro pianeta con occhi puri, si percepisce come esso non sia altro che una gigante roccia roteante, un’unica roccia che fa parte di qualcosa più grande, della nostra galassia e dell’universo e poi.. beh chissà. 

Al termine del viaggio ho capito che dovevo aprirmi al mondo, all’universo ed essere. Solo dopo tutto questo mi peregrinare ho capito a dove appartengo.
La mia casa è l’universo, il cosmo, l’essenza. Siamo esseri limitati  che cercano di raggiungere e spostare i nostri limiti, per poterlo fare abbiamo bisogno di aprire le nostre menti, cambiare le nostre idee ed il nostro modo di pensare. 

Sono nato da qualche parte, dovrei appartenere a quel posto, a qualche religione e a qualche modo di pensare. Mi sono concesso di cambiare e, come facciamo con i vestiti, ho trovato quello che mi sta meglio addosso. 

Sono tornato in contatto con la natura ed il mio spirito, mescolandomi con l’Universo. Appartengo a questo ora e grazie a ciò non mi sento mai fuori luogo, ogni singola cosa che arriva a contatto con me appartiene al tutto come ne appartengo io, siamo tutti parte di questo quadro molto più grande.

Appartengo a me stesso: alle emozioni, alla mente che può esplorare senza limiti. Quel che esce da noi stessi ci appartiene, come apparteniamo a qualcosa di più grande che non siamo in grado di capire.

Author | + posts

Born in Verona Emanuel is a never ending challenger seeking for discomfort, he left home 10 years ago to travel the world; now in London he wonders around trying new flavours of life, food and drinks, sipping coffee, and screaming at dirty punky gigs, with the backpack always ready on his bedside.

Back To Top