Che lavoro fai? Annachiara experience as a cloud engineer

Che lavoro fai? Annachiara experience

Annachiara: from Arezzo making an interesting career move by learning to code

Che lavoro fai? L’esperienza di Annachiara

Annachiara: da Arezzo realizzando un’interessante carriera creando codici

Che lavoro fai? Annachiara Faralli

For our ‘Che lavoro fai?’ section we chatted with an environmental engineer who made an interesting career move by learning to code.

Hi Annachiara, what kind of job do you do?

I am a cloud engineer. I basically build cloud infrastructure for banks, small companies, and anyone in need of a website!

What does your working day look like?

I work on a range of different projects and also provide consultancy services. My work involves frequent interaction with clients. I work for a company, and as such, I collaborate with other in-house employees and with external clients. Every day is different. A lot of what I do is fairly technical, but that’s often the easiest part. The hard bit is understanding what and how to do something after receiving a request from a client. We start off by doing a lot of research, information gathering, and documentation writing. Once that’s done, we start building and coding, which is the easier part.

I suppose you’d call it software development, in terms of the features and infrastructure related to or belonging to a website. I’m talking about how a website is likely to be used and its dimensions, etc. We’re essentially making a ‘tailor-made suit’ for our clients.

How long have you been doing your job?

For two years. I previously had a job researching steel structures, and their resistance to large deformations. I’ve ended up doing this job somewhat by chance, but I’m happy because demand is increasing and it is a sector that will probably always grow.

When and why did you choose to leave Italy?

I left in 2013 after I found out a PhD I had been promised was no longer going ahead.

Tell us a bit about your journey so far.

Well, I’m from Arezzo. I studied civil engineering at the University of Bologna, which is where I also wanted to do my PhD. I found a professor to supervise me, but he pulled out at the last minute. I had stupidly put all of my eggs in one basket, and as a result, my world felt like it was falling apart. I decided to look for similar PhD programmes and found one here in London. I was accepted onto the programme, but it didn’t really turn out as expected. I was a bit disappointed on a technical level, but it helped me tremendously in terms of my soft skills. I did my PhD at UCL, which allowed me to collaborate with a research group in Salerno in 2016. It was such a strong team, and I felt really stimulated working with them.

My original plan was to pursue an academic career and become a lecturer, but after my PhD experience, all of that changed. In 2019, I decided to put an end to my academic adventures and my PhD. I guess I just wasn’t lucky enough to find the right people to stimulate and help me progress. As a consequence, I decided to take a different route and left my academic career behind. I started doing a bit of teaching assistant work at a business school. I then took on a role as a project manager for a couple of months, until I got an interview with the company I work for now. I already had a scientific mindset thanks to my previous studies but I still had to do a four-month ‘graduate scheme’ where more experienced colleagues trained us up to be fully independent employees. My career progressed fairly rapidly from there. I got a couple of promotions, which made all the hard work I’d put into my PhD pay off in terms of the quality of my work and my life.

Che lavoro fai? Annachiara Faralli

Per questa puntata del che lavoro fai abbiamo chiacchierato con un’ingegnere ambientale che ha dato un twist alla propria carriera virando verso il coding.

Ciao Annachiara, che lavoro fai?

Io sono un cloud engineer, praticamente mi occupo di creare infrastrutture nel cloud per diverse compagnie, può essere una banca, una piccola compagnia, o chi abbia bisogno di un semplice sito online.

Se dovessi descrivere una tua giornata di lavoro come si svolgerebbe?

Lavoro su progetti che possono essere molto diversi, questi includono anche la consulenza, il che mi porta ad una interazione molto frequente con il cliente. Lavoro per un’azienda e di conseguenza al progetto si lavora tra colleghi assieme a colleghi che dipendenti dell’azienda cliente. Ogni giorno è diverso dall’altro, c’è molto di tecnico ma è la parte più facile, mentre la parte più difficile è capire cosa e come fare in seguito alla richiesta del cliente, e quindi subentra anche un processo di ricerca, informazione e documentazione; una volta fatto questo si parte con la costruzione che è la parte relativamente più facile.

Chiamiamolo software developer, non tanto per il sito in sé ma in termini di funzioni ed infrastrutture inerenti o facenti parte del sito; il tipo di utilizzo, la mole del sito, praticamente ‘cucire un vestito su misura’ tecnologico per l’azienda richiedente il servizio. 

Da quanto fai questo lavoro?

Da due anni, prima facevo ricerca su strutture d’acciaio, e la loro resistenza a grandi deformazioni. Ci sono capitata un po’ per caso ed un po’ per fortuna a fare questo lavoro, ma sono contenta di ciò anche perchè la richiesta è in continuo aumento ed è un settore che probabilmente andrà sempre a crescere.

Quando e perché hai scelto di partire?

Sono partita nel 2013 in seguito al fatto che il dottorato che mi era stato promesso non si è poi concretizzato.

Quindi il tuo percorso quel’è stato?

Allora io sono di Arezzo, ho poi fatto l’Università in Ingegneria Civile  a Bologna dove poi volevo fare il dottorato, avevo anche trovato il professore che mi avrebbe appoggiato per ma all’ultimo secondo si è tirato indietro per vari motivi, io stupidamente avevo messo tutte le mie uova nello stesso paniere, e di conseguenza mi è crollato un po’ il mondo addosso. Ho deciso poi di cercare un dottorato simile a quello che volevo fare trovandolo qui a Londra, sono stata accettata e devo dire che non si è presentato come me lo aspettavo rimanendone un po’ delusa a livello tecnico, ma devo dire che da un punto di vista di soft skill mi ha aiutato moltissimo. Tramite la UCL di Londra dove appunto ero io, ho cercato e trovato una collaborazione con il gruppo di ricerca a Salerno nel 2016 essendo loro un gruppo forte mi stimolava lavorare con loro. 

La mia idea era di seguire la carriera accademica e diventare insegnante, ma dopo la mia personale esperienza del dottorato è cambiata, e nel 2019 ho deciso di terminare tutto questo processo ed il dottorato stesso, credo che la mia sfortuna sia stata non trovare persone chiave che avessero potuto stimolare ed aiutare ad andare avanti, di conseguenza ho deciso di cambiare tutto e ho lasciato la carriera accademica. Ho iniziato facendo un po’ di teaching assistant in una business school, dopodiché ho coperto un ruolo da project manager per un paio di mesi, fino poi a fare un colloquio con l’azienda per cui lavoro. Gli studi che ho fatto mi hanno dato il mindset scientifico ma ho dovuto fare un ‘graduate program’  di 4 mesi dove colleghi più esperti ci insegnavano dandoci compiti e formandoci per poi essere dipendenti a tutti gli effetti a fine formazione, da li poi ho avuto una crescita a livello di carriera abbastanza rapida raggiungendo un paio di promozioni che hanno un po’ ripagato il duro lavoro del dottorato in termini di qualità del lavoro e vita in generale diciamo.

Annachiara Faralli

Do you like your job?

Yes, 100%. I’d definitely recommend it. There are so many different aspects to it, not just on a technical level, but also in terms of planning, sales and more creative areas, so I definitely recommend it as a job.

Were you more focused on leaving Italy or looking for something new?

When I was looking for PhD programmes in London I was in pieces and had a lot of anger stored up inside me. I knew [losing my PhD place] was something that could potentially happen but I was still so disappointed and it made me want to leave.

I applied directly in the UK. When I left Italy, I was offered a role in Salerno but by that point I was already in London and doing well. Even if I hadn’t been offered the PhD in London, I would probably have left anyway or looked for an experience abroad.

Would you change anything if you could start over?

I would think twice about doing the PhD, to be honest, but in the end, on a human level, it helped me a lot. I met people who I am still friends with today. I have strong friendships and I also fell in love with London and am doing very well here. I would think a little more about where I should go and what I should do, but I wouldn’t change anything.

How much has the UK changed since you arrived?

Well, with this lockdown I can’t even tell I’m even in the UK, haha. No, but joking aside, I would say that Brexit has created problems in terms of logistics, travel, and shipments, etc., and I see it more as a complication than any sort of positive change. However, I would say that I have probably changed more than the UK has. London has something for everyone. Even if you change as a person, London will always have something to offer you.

Do you miss Italy? Will you go back? If you did go back, would you be able to do your job in Italy?

I miss Italy and I miss the opportunity to go back whenever I want but that’s probably to do with the pandemic more than anything else. I normally go back two or three times a year. I would like to go back more. I would love to visit places I’ve never been to in Italy. I miss it, but not really the quality of life or the way of thinking so much. When I do go home, it always takes me a while to readjust to my relationships and friendships there, in terms of their way of thinking. I could do my job from anywhere, so I’d like to work from Italy even if we’re much further ahead here in terms of innovation than back home. I’d like to go back but I don’t think it will happen anytime in the next ten years. I can do my job remotely, meaning I can easily move about and take my work with me, so we’ll see.

What would you say to your past self, having just left Italy?

I would definitely say that there will be times when you’re going to fail. You will be disappointed, but keep your feet on the ground and sooner or later they will take you where you need to go!

Do you have any advice for the UK?

It might be time to re-think this whole Brexit thing?

And any advice for Italy?

Dedicate more time to young people.

Ti Piace il tuo lavoro?

Si si assolutamente, lo consiglio, ci sono tante sfaccettature non per forza solo tecnica ma  anche di pianificazione, vendita e parti più creative, quindi lo consiglio come lavoro.

Era più un lascio l’Italia o cercare qualcosa di nuovo?

Beh quando ho cercato il dottorato a Londra ero distrutta ed arrabbiata dentro, era un qualcosa che sarebbe potuto succedere ma comunque mi ha delusa e di conseguenza volevo andarmene.

Ho applicato direttamente in Inghilterra, quando ho finito mi avrebbero anche offerto una posizione a Salerno ma ormai ero qui e sto bene qui. Se non mi fosse successo il fatto del dottorato probabilmente sarei partita comunque o avrei cercato un esperienza all’estero.

Se potessi ricominciare cambieresti qualcosa?

Ci penserei due volte al dottorato a dirla tutta, ma in fin dei conti,  a livello umano mi ha aiutato parecchio, ho incontrato persone che sono poi gli amici che ho tutt’ora, stretto rapporti forti, mi sono poi innamorata di Londra e sto benissimo qui, penserei un po’ di più al dove vado, cosa faccio, ma non cambierei niente.

Quanto è cambiata la Gran Bretagna da quando sei arrivata?

Beh con tutto sto lockdown ormai non me ne rendo più conto e non mi rendo nemmeno conto di essere in UK, ahah!! No dai, scherzi a parte direi che si, Brexit credo possa creare qualche problema in termini di logistica tra pacchi viaggi eccetera, ma per dire che insomma lo vedo un po’ più come complicazione che agevolazione. Direi comunque che sono cambiata io, a Londra per qualsiasi gusto c’è sempre qualcosa, come se a Londra in base a come cambi c’è sempre qualcosa per te.

Ti manca l’Italia? Pensi di tornare? Nel caso tornassi potresti fare il tuo lavoro in Italia allo stesso modo?

L’Italia mi manca e mi manca la possibilità di andarci quando mi pare, ma questo forse è più relazionato all’ultimo periodo di pandemia, normalmente torno due tre volte all’anno, mi piacerebbe tornarci di più, vorrei vedere i posti in cui non sono mai stata in Italia. Mi mancano questi aspetti, non tanto la qualità della vita e il modo di pensare, anche quando scendo ci vuole sempre un attimo per riassettare i rapporti e relazioni nel senso di riadattamento al modo di pensare. Penso che il mio lavoro si possa fare ovunque, quindi mi piacerebbe magari anche farlo dall’Italia anche se ovviamente in termini di innovazione siamo molto più avanti qui, mi piacerebbe tornare ma non credo prima di una decina d’anni, con la versatilità del mio lavoro sono molto agevolata nel potermi spostare e portare il lavoro con me quindi vedremo.

Consiglio alla te appena arrivata.

Direi sicuramente che ci saranno momenti in cui fallirai, ne sarai delusa, tieni un po’ i piedi per terra che prima o poi te ce li fanno mettere ma vai avanti comunque.

Dai un consiglio al Regno Unito

Ripensate un attimo alla Brexit.

Dai un consiglio all’Italia

Dedicati un po’ più ai giovani.

Author | + posts

Born in Verona Emanuel is a never ending challenger seeking for discomfort, he left home 10 years ago to travel the world; now in London he wonders around trying new flavours of life, food and drinks, sipping coffee, and screaming at dirty punky gigs, with the backpack always ready on his bedside.

Back To Top