Che lavoro fai? Meet Luca and Carlotta an Italian couple working as nurses in Cambridge

Che lavoro fai? Luca and Carlotta

Meet Luca e Carlotta: an Italian couple working as nurses in Cambridge

 For our “Che lavoro fai?” section, we interviewed an Italian couple working as nurses in Cambridge. 

Hi Luca and Carlotta, what kind of jobs do you do? 

Luca: I’m a critical care nurse.

Carlotta: I am a research nurse in vascularity and rare renal diseases. 

What are your working days like? 

Luca: Well, I work two shift patterns: a long day from 7am to 7:30pm, or a night shift from 7pm to 7:30am. We start with a team briefing where the lead nurse overseeing the previous shift gives us updates and info on what happened during that shift. After that, we all get allocated our own patient and receive individual updates. Once that’s done, we do safety checks, administer medication, wash, and take care of our patients’ needs. It sounds like a simple job, but anything can happen in the ICU, from the patient’s condition worsening to sudden emergency situations. So, I basically work 37.5 hours a week in 12-hour shifts.

Carlotta: I work from 8am to 5pm, Monday to Friday in a half office, half clinical job. My job doesn’t actually exist in Italy. I coordinate clinical studies on rare kidney disease, which are either commissioned by the hospital in Cambridge where we both work, or by pharmaceutical companies. When in the office I oversee the organisational, management and paperwork side of the business. In the clinic I carry out research and studies in the field before recording and reporting on our work. So, every day is different for me, too.

How long have you been doing your jobs? 

Carlotta: Nearly three years now, before this I was a nurse.

Luca: Since June 2017, and I also worked as a nurse before, after graduating in 2014. 

When and why did you choose to leave Italy? 

Luca: We chose to move right after graduation. The vacancies in Italy weren’t the best at the time. There was huge competition for just 10 roles, resulting in thousands of applications. We wanted to give the idea of leaving Italy a go, not as a temporary venture, but more as a “let’s go and see what happens” kind of thing. 

Carlotta: I must say that I didn’t really want to take part in the competitions for job vacancies. I’d already finished my training so I didn’t see why I had to compete with thousands of people. The process here in the UK is much more similar to other jobs, i.e. you send in an application, if you meet the requirements, they contact you, you have an interview and if you’re successful, the job is yours. For me, it was more related to job opportunities. It helped a lot that Luca already had friends living abroad, which obviously piqued our interest and made the idea of changing our lives seem tangible. 

Tell us a bit about your journey so far.

Luca: I received my nursing degree in 2013. In April 2014, I applied for a job in the UK, got an interview, and left Italy that July. Carlotta graduated in April, so she moved here after me. I was working in Chesterfield, near Sheffield, and she joined me a bit later on and applied from here, and got a job. We knew there were vacancies out there. Hers wasn’t as safe a move as mine but we were fairly confident and it worked out well. We spent a year and a half in Chesterfield, working as nurses. In January 2016 we moved to Cambridge. It appealed to us more as a place to live and it had a better range of work opportunities. And so, we moved here three years ago and got jobs in different departments at the same hospital.

Do you like your jobs? 

Carlotta: A lot!

Luca: Yes, I’m currently taking another course and am enjoying the opportunity to progress in my career. So I’m happy.

Carlotta: It can be stressful and often problematic, just like all jobs, especially if you judge it from day to day, but if I look at my job from a wider perspective, I like it, a lot. 

Were you more focused on leaving Italy or looking for something new? 

Luca: For me, it was about looking for something new. I had just finished university and it was the perfect time to see what was out there.

Carlotta: I was 50-50. In the beginning, it felt like there just weren’t many job opportunities in Italy, and then obviously, I also felt the urge to try something new, so I’d say it was a little bit of both. 

Would you change anything if you could start over? 

Carlotta: Actually I would do it all over again, the exact same way. Perhaps I would try out Bristol but then I would have ended up in a different role. So yeah, I did I would do it the same way, all over again.

Luca: Well, Chesterfield was a combination of things that weren’t great at first but it was a necessary step in getting us to where we are today so I would do it the same way all over again. 

How much has the UK changed since you arrived? 

Luca: Well, we have changed, too.

Carlotta: The pound was worth much more than it is now, so I can’t go back to Verona and go crazy with the shopping any more, haha.

Luca: It was a bit strange during Brexit but we’ve all slowly got used to it. There will be fewer people moving to the UK, which I’ve always viewed as a sort of seaport anyway. I mean, you meet so many people and as soon as you build a friendship they leave. So, it will probably stay the same, even if only in a limited way. 

Carlotta: I haven’t personally been badly affected by Brexit. Almost all of my colleagues and friends are against it, so I haven’t had any awkward encounters. I don’t think it will cause any major problems for us as we’ve been here for a while. But for people who want to move here now, it’s going to be a lot more complicated. 

Do you miss Italy? Will you go back? If you did go back, would you be able to do your jobs in Italy? 

Carlotta: No, no, and no.

Luca: I couldn’t do my job in the same conditions and earn the same money. I wouldn’t go back to Italy for work. Maybe one day we will retire there. It is always a bit stressful when we go back for a few days and have to squeeze in hundreds of meet-ups, dinners, aperitivi, etc. It is much easier when friends come to visit us here. 

What would you say to your past selves, having just left Italy? 

Carlotta: There will be some difficult times, but you will grow and experience a lot of things in a short space of time. So go easy, relax and keep moving.

Luca: Stay calm, you will meet tons of people from different countries Don’t be afraid to explore different cuisines. Go for it. 

Do you have advice for the UK? 

Carlotta: Stop abiding so strictly by protocols. Don’t get me wrong, they are fine, but only up to a certain point. 

Luca: Don’t overcook your pasta. Cook it al dente. 

And any advice for Italy? 

Carlotta: Wake up Italy!

Luca: I would say to young Italians: get out of your comfort zone. Travel and explore, you might end up back home but the experience will help you so much. 

 

 

Che lavoro fai? Luca e Carlotta

Abbiamo intervistato Luca e Carlotta, due infermieri Italiani che lavorano a Cambridge

Per la rubrica “Che lavoro fai?” abbiamo intervistato Luca e Carlotta, due infermieri Italiani che lavorano a Cambridge.

Ciao Luca e Carlotta, che lavoro fate?

Luca: io sono un Critical Care Nurse, quindi lavoro come infermiere in terapia intensiva.

Carlotta: Mentre io sono una research nurse in vascularity and rare renal diseases, praticamente un’infermiera nella ricerca di malattie renali rare.

Se doveste descrivere una vostra giornata di lavoro come si svolgerebbe?

Luca: beh io lavoro su due tipi di turni, o long day dalle sette di mattina alle sette e mezza di sera, o night shift, lavorando dalle sette di sera alle sette e mezza del mattino. Iniziamo con un briefing assieme a tutto il team, con il responsabile del turno terminante che ci fa una sorta di passaggio informazioni riguardo pazienti, attività e qualsiasi cosa sia accaduta durante il suo turno, in modo da essere aggiornati su tutto, veniamo poi allocati ognuno al suo paziente, ricevendo l’aggiornamento individuale, a questo punto mi muovo con i safety checks(controlli), somministro i dovuti farmaci, laviamo e ci prendiamo cura del paziente in ogni suo aspetto, nella teoria un lavoro piuttosto semplice, ma essendo in terapia intensiva tutto può succedere, dal peggiorare del paziente a qualsiasi cosa accada che necessita di una risposta immediata. E così lavoro per 37.5 ore a settimana, con turni da 12 ore.

Carlotta: Io faccio dal Lunedì al Venerdì dalle otto del mattino alle quattro del pomeriggio, il mio è un lavoro per metà d’ufficio e metà clinico, un ruolo come il mio non esiste in Italia, praticamente coordino gli studi clinici per quanto riguarda le malattie renali rare, studi commissionati o dall’ospedale di Cambridge, dove lavoriamo, o da case farmaceutiche. Quando sono in ufficio mi occupo dell’organizzazione e della parte gestionale e burocratica dell’attività, mentre in clinica porto avanti gli studi di ricerca sul campo, ritornando poi alla registrazione e rapporto delle attività, ed anche per me ogni giorno è diverso dall’altro.

Da quanto fate questo lavoro?

Carlotta: da quasi tre anni, mentre prima di coprire questo incarico ero un’infermiera di reparto.

Luca: da Giugno 2017, e anche io prima ero infermiere di reparto, entrami abbiamo iniziato nel 2014.

Quando e perché avete scelto di partire?

Luca:Abbiamo scelto appena dopo la laurea. Al tempo diciamo che l’offerta di lavoro in Italia per noi non era delle migliori, erano soliti infatti maxi concorsi per dieci posizioni con migliaia di iscritti, volevamo un po’ provare, ma senza l’idea di fare un paio d’anni e tornare, era più un partiamo e vediamo cosa succede.

Carlotta: Io devo dire che non volevo fare i concorsi, essendo già abilitata non vedevo la necessità di dover concorrere con altre miglia di persone, qui invece il processo è molto più simile ad un qualsiasi lavoro, ovvero mandi la candidatura, se sei idoneo vieni contattato per un colloquio e se lo passi il lavoro è tuo. Per me era tanto rapportato alle opportunità di lavoro, è stato anche importante che Luca avesse amici già di base all’estero, cosa che ovviamente ha suscitato interesse e la tangibilità della possibilità di un cambio vita.

Quindi qui il vostro percorso qual è stato?

Laureato nel 2013 in scienze infermieristiche, nell’Aprile del 2014 ho fatto applicazione e colloquio per poi partire nel Luglio dello stesso anno, Carlotta invece si è laureata ad Aprile, di conseguenza è salita dopo di me, Io stavo lavorando a Chesterfield, vicino Sheffield, lei salì dopo e a differenza mia fece l’applicazione per il lavoro da qui, e lo ottenne, sapevamo che c’era molta richiesta, non era una manovra sicura come la mia ma eravamo fiduciosi ed è andata bene. Siamo rimasti un anno e mezzo, lavorando direttamente come infermieri di reparto, nel Gennaio 2016 ci siamo spostati a Cambridge, ci invogliava di più come posto dove vivere e con orizzonti lavorativi più ampi. Poi, come ti dicevo, ci siamo mossi circa tre anni fa in reparti diversi quali ricerca e terapia intensiva.

Vi piace il vostro lavoro? 

Carlotta: Tantissimo


Luca: Si, adesso sono in un momento che grazie ad un corso universitario ho la possibilità di avanzare a livello di carriera, e quindi un continuo evolversi, e si sono contento.


Carlotta: può essere stressante, spesso problematico come tutti i lavori, soprattutto giudicandolo di giorno in giorno, ma guardando il mio lavoro da una prospettiva più generale mi piace un sacco.

Era più un lasciare l’Italia o cercare qualcosa di nuovo? 

Luca: per me era un cercare qualcosa di nuovo, avevo appena finito l’università, ed era il momento perfetto per provare e vedere.


Carlotta: Io sono a metà e metà diciamo, all’inizio vedevo l’Italia un po’ piatta a livello lavorativo, ma non così necessariamente a livello generale, ovviamente molto ha fatto la voglia di cercare e vedere qualcosa di nuovo, quindi si direi un po’ e un po’.

Se poteste ricominciare cambiereste qualcosa? 

Carlotta: In realtà rifarei tutto, magari mi piacerebbe aver provato Bristol ma sarei potuta finire a ricoprire un ruolo diverso, quindi si tutto quello che ho fatto lo rifarei.


Luca: beh Chesterfield è stata una combinazione di cose che all’inizio è stata un po’ così, ma è stata necessaria per arrivare ad oggi quindi si rifarei tutto.

Quanto è cambiata la Gran Bretagna da quando siete arrivati voi? 

Luca: Beh siamo cambiati anche noi


Carlotta: beh la sterlina valeva molto di più e mi dispiace non poter tornare a Verona a fare un sacco di shopping, hahaha!!


Luca: mi son sentito un po’ strano al momento della Brexit e piano piano ce ne siamo abituati tutti, ci sarà molta meno gente che sale, qui l’ho sempre visto come un porto di mare, nel senso che molte persone che incontri nemmeno te ne affezioni che già se ne ripartono quindi da un lato resterà così anche se magari in maniera più limitata.


Carlotta: la Brexit personalmente non l’ho vissuta male, nel senso che quasi tutti i miei colleghi e conoscenti sono un po’ contro la Brexit, quindi non ho avuto strane vicissitudini, per noi che siamo qui da un po’ non credo ci saranno grossi riscontri, mentre per chi volesse salire ora le cosa potrebbero e sono molto più complicate. 

Vi manca l’Italia? Pensate di tornare? Nel caso tornaste potreste fare il vostro lavoro in Italia allo stesso modo?

Carlotta: No, no, no.

Luca: Lavorativamente parlando, non potrei farlo nelle stesse condizioni e allo stesso modo con lo stesso stipendio, non tornerei per lavoro ecco, magari un giorno per la pensione. É sempre un po’ stressante ritornare per qualche giorno dovendo incastrare mille incontri, saluti, cene, aperitivi eccetera, è molto più semplice quando gli amici vengono a trovarci qui.

Un consiglio alla/al te appena arrivata/o.

Carlotta: ci saranno momenti difficili ma riuscirai a costruire un sacco di cose in pochissimo tempo quindi vai tranquilla, rilassati e vai avanti.


Luca: stai tranquillo che conoscerai tantissime persone di qualsiasi nazionalità, non aver paura di esplorare cibi diversi, ma lanciati.

Date un consiglio al Regno Unito

Carlotta: Smettetela di seguire i protocolli, nel senso vanno bene, ma fino ad un certo punto.

Luca: Non scuocete la pasta ma fatela al dente 

Dai un consiglio all’Italia: 

Carlotta: svegliati fuori Italia.


Luca: lo darei ai giovani dell’Italia, andate e uscite dalla comfort zone, viaggiate ed esplorate, magari poi tornate ma vi servirà.

Author | + posts

Born in Verona Emanuel is a never ending challenger seeking for discomfort, he left home 10 years ago to travel the world; now in London he wonders around trying new flavours of life, food and drinks, sipping coffee, and screaming at dirty punky gigs, with the backpack always ready on his bedside.

Back To Top